Fitness in sicurezza dopo i 40 anni

Fitness in sicurezza dopo i 40 anni
Gli articoli sui rimedi anti-età abbondano e spesso sponsorizzano i benefici del sollevamento pesi per dare una spinta al metabolismo e bruciare i grassi, aumentando la densità ossea. E se da un lato rafforzare i muscoli è la prima difesa dagli infortuni, un allenamento molto intenso deve prevedere delle accortezze.
 
La stanchezza è il fattore di rischio numero uno per farsi male.
“Più si va avanti con l'età, meno elastina – una proteina che rende i tendini e i legamenti flessibili – produciamo. Come risultato i nostri tessuti connettivi diventano più rigidi, scaricando la responsabilità ai nostri muscoli di farsi carico del peso dei movimenti e dell'impatto quando corriamo, nuotiamo, giochiamo a golf o facciamo una lezione di ballo. Se i muscoli non sono forti abbastanza, ci si fa male”, spiega Henry Lodge, coautore del libro “Più giovani il prossimo anno”.
Nel caso di un giocatore di tennis, se i muscoli del tronco e della schiena non sono abbastanza forti, i tendini e i legamenti della spalla e del gomito subiranno un carico troppo pesante e il rischio di andare incontro a lesioni del rotatore del polso o al famoso “gomito del tennista” sarà alto. 
 
Se la prima arma contro gli infortuni è rafforzare i muscoli, la seconda è il riscaldamento. Non è più un opzione, come quando si è giovani. Il Dottor Lodge dice: “10 minuti sono obbligatori. È essenziale che i muscoli siano caldi, agili e reattivi. Piuttosto che fare stretching o una versione leggera dello sport che stiamo per praticare, il riscaldamento ottimale per chi è avanti con l'età dovrebbe essere di basso impatto con una componente di rafforzamento dei muscoli del tronco.
 
Ed infine, bisogna essere diligenti con il “cooldown”, il recupero. La stanchezza che si prova dopo una sessione di allenamento è dovuta in parte a sostanze chimiche prodotte dal corpo, come l'acido l'attico che viene secreto dai muscoli e causa infiammazione e rigidità. Quando si è giovani queste sostanze vengono smaltite nel giro di poche ore. Ma superati i 40 anni più si va avanti con l'età e più tempo impiega il corpo a liberarsi di queste sostanze di scarto. Più i muscoli sono infiammati e più è facile andare incontro a infortuni.
 
In conclusione, i muscoli possono fare molto più dell'età. Ma c'è bisogno di lavorare sodo in modo di mantenerli forti ed elastici.
 
Articolo tratto da Italiasalute.it
 
Foto di Lapalestra.net 

 

Prodotti